Articoli

Selvaggia Lucarelli contro la Cristoforetti: l’esempio del degrado italiano!!!

samantha-cristoforetti

Ieri, giovedì 11 giugno 2015, Samantha Cristoforetti è tornata sulla Terra a bordo della navicella Soyuz.

Con un ruvido atterraggio avvenuto alle 15.44 nella steppa del Kazakistan, la prima donna italiana ad essere andata nello Spazio ha fatto ritorno a casa.

Per quasi 200 giorni abbiamo imparato a conoscerla attraverso il web, grazie ai tanti tweet e foto postate su Facebook dalla stessa astronauta. Ci ha fatto sognare, facendoci vedere la terra come mai avremmo pensato, ha correlato ogni singola foto con una didascalia per farci capire cosa lei stesse vedendo. Ha condiviso, in un certo qual modo, il suo viaggio con noi.

Eppure, rientrata sulla Terra, i telegiornali italiani hanno dato poco spazio a questa straordinaria notizia, solo oggi ci hanno mostrato le immagini del ruvido atterraggio e di come Samantha, con il suo solito sorriso sincero, abbia salutato tutti su quella poltroncina blu. Orgoglio nazionale e fonte di ispirazione per molti, per altri è diventata una notizia noiosa, in primis per Selvaggia Lucarelli che non si è lasciata sfuggire l’occasione per dire la sua. Sul suo profilo Facebook ha deciso di commentare così:

“Abbiamo capito che la Cristoforetti è tornata a casa e mi spiace per lei che ora si ritrovi appiccicato addosso il nomignolo AstroSamanta come una cartomante barese, ma davvero, basta. Non se ne può più. C’è tanta gente che lavora mesi su una petroliera o in cantieri sperduti nel mondo o a tirar su le case in Nepal e quando torna a casa si festeggia senza tutta ‘sta melassa spaccacoglioni.”

e ancora su twitter:

Ma la Lucarelli non è stata l’unica ad avere una cattiva parola per quella che, io per prima, considero essere un modello a cui aspirare perché le donne possono letteralmente arrivare lontano: sul web continuano ad apparire immagini che non rendono giustizia al grande lavoro della Cristoforetti.

Immaasdadgine

Voi cosa ne pensate?

Commenti

Commenti

About the author

Paola Carelli

Laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche e in Psicologia del Lavoro e del Benessere nelle Organizzazioni. Vive a Torino ed ha un sicuro futuro da gattara lancia gatti