Fumetti News

Wolverine – The Long Night: Marvel rilascia il trailer della serie podcast

Marvel ha pubblicato il trailer del loro attesissimo scripted podcast, Wolverine: The Long Night.
Questo è il primo podcast scritto dalla Marvel, che stanno producendo insieme alla rete di contenuti audio, Stitcher.

Wolverine: The Long Night segue le vicende degli agenti Sally Pierce e Tad Marshall mandati in Alaska per indagare su un numero di omicidi legati a un temuto serial killer. I due agenti si uniscono al vice della città, Bobby Reid, mentre iniziano a indagare sul loro principale sospettato, Logan.

Potete ascoltare il trailer QUI

Il podcast è scritto dal pluripremiato scrittore Ben Percy (The Dead Lands, Green Arrow) e diretto da Brendan Baker della Radiotopia.

Sui temi e gli elementi soprannaturali a cui sta attingendo da utilizzare in Wolverine: The Long Night, Ben Percy ha affermato:

“Oltre alla ricerca del crimine sul serial killer in libertà, ci sono anche elementi del fantastico. E alcuni di loro hanno a che fare con Wolverine: come la sua leggenda cresce in quest’area, mentre la gente lo osserva, mentre si muove tra la nebbia con branchi di lupi, mentre risparmia vite o uccide. Sto anche attingendo dalle leggende native nell’area e dalla mitologia cultish. C’è un complesso allestito fuori dalle città di Burns, in Alaska, dove si trova il culto Aurora. E non è chiaro a priori se siano implicati negli omicidi che stanno avvenendo qui e se possano avere poteri.”

Wolverine: The Long Night è prodotto da Daniel Fink (Marvel) e Jenny Radelet (Stitcher).
Con la partecipazione di Richard Armitage, Scott Adsit, Bob Balaban, Brian Stokes Mitchell, Zoe Chao, Chaske Spencer, Jordan Bridges, David Call, Michael J. Burg e Lannon Killea.

La serie di 10 puntate andrà in onda settimanalmente esclusivamente su Stitcher Premium a partire dal 12 marzo 2018.
Sarà disponibile su tutte le piattaforme di podcasting nell’autunno del 2018.

Commenti

Commenti

About the author

Martina Volonté

Studentessa di critica cinematografica. Amo il cinema perché è una porta verso infiniti mondi. E poi perché mi permette di mangiare pop-corn con una scusa. Vivo un episodio alla volta, come nelle serie tv. Più simile a Jack Torrance che a Jane Austen. Ho un sesto senso, ma non vedo la gente morta. Parlo poco e critico tanto.