DOOM – Recensione

C:/GIOCHI/DOOM/DOOM.EXE 

Per molti questa scritta non vorrà dire niente, per altri invece è stata la linea di comando per MS-DOS fondamentale per entrare in un mondo adrenalico e cruento. Era infatti il 1993 quando id Software fece uscire per la prima volta su PC la prima versione di Doom, avviabile solamente da MS-DOS.

Quest’anno a 23 anni di distanza dal suo debutto ufficiale e a 12 anni dal suo ultimo capitolo (Doom 3), Bethesda e idSoftware portano su console PS4, XBox One e PC, il nuovo capitolo del FPS che ha fatto la storia.

DOOM_20160513172047

CHI HA BISOGNO DELLA TRAMA?

Se con il remake Wolfenstein: The New Order (titolo che mi aveva colpito positivamente) MachineGames aveva optato per un’approccio narrativo decisamente ben sviluppato, con Doom i ragazzi di idSoftware hanno tentato una strada completamente diversa. La trama infatti è veramente basilare, ci farà percorrere le vicende del soldato Doom Marine attraverso una base UAC (Union Aerospace Corporation) completamente invasa da presenze demoniache. La trama termina praticamente qui, rimane semplice ed ancorata sulla modalità Avanza e Uccidi, contornata dalla presenza di alcune sfide in game.

Il titolo catapulta letteralmente subito nell’azione, lasciando poco spazio per i pensieri, coinvolgendo il giocatore con il ritmo frenetico e adrenalinico che ha caratterizzato la serie. E sinceramente va benissimo così!!! DOOM porta in chiave moderna e con una grafica ben curata tutte le meccaniche di gioco che avevano fatto breccia nei cuori dei giocatori nel 1993.

DOOM_20160516210909

UNO SGUARDO AL PASSATO PENSANDO AL PRESENTE

Uccisioni violente, armi devastanti ed una quantità enorme di segreti nascosti saranno immersi nelle ambientazioni infernali. Grazie all’introduzione di parecchie novità come il sistema di potenziamento delle armi, dell’armatura e alle uccisioni epiche vi troverete davanti un titolo fresco ma che rimanda al passato.

Infatti dopo aver ferito gravemente un demone, il giocatore potrà effettuare un’uccisione epica, spettacolare e sanguinolenta. Queste kill non avranno solamente puro scopo estetico ma saranno fondamentali nell’avanzamento del gioco dato che produrranno una quantità maggiore di medikit e munizioni rispetto ad una normale kill. E qui entra in gioco anche la famosa motosega, immancabile in ogni capitolo della serie.

Una volta sbloccata sarà utilizzabile per oneshottare quasi tutti i nemici base e generare una quantità massiccia di munizioni (che vi assicuro finiranno presto).  Sarà quindi compito del giocatore  cercare di bilanciare il tutto per evitare di finire letteralmente a secco e quindi ad andare incontro a morte sicura.

Segnaliamo inoltre la presenza di numerosi Easter Eggs tra cui la possibilità di giocare nella mappa originaria del primo capitolo.

DOOM_20160514022048

FLUDITA’ E DESIGN ACCATTIVANTI

Dal punto di vista del comparto tecnico, DOOM rinfresca il design dei demoni e della sua armeria, con una grafica decisamente ben curata (sopratutto se giocato ad ULTRA su PC), risulta essere sempre fluido con 60fps fissi. Nella versione provata su PS4 e su PC non ha mai dato nessun tipo di problema o lag.

Le mappe sono molto vaste e si propagano il più delle volte anche verso l’alto, risultando però in molti casi parecchio semplici, spoglie e ripetitive nel design.

Per quanto riguarda invece il comparto sonoro, propone le tipiche tracce dal tono metal che si inseriscono alla perfezione con l’atmosfera del gioco e gli effetti acustici di armi e demoni.

DOOM_20160514021344

MULTIPLAYER E SNAPMAP

Per quanto riguarda il Multiplayer, DOOM riporta nel presente le modalità Arena shooter, con un ricco sistema di personalizzazione ma con delle mappe un po’ troppo piccole soprattutto se confrontate con quelle della campagna singleplayer. Come già visto nella Beta sono presenti le rune demoniache che permettono la trasformazione in un demone letale (a volte anche troppo).

Multiplayer che offre ben sei modalità differenti che vanno dal classico Deathmatch a squadre fino alla divertissima modalità Congelamento dove il gioco di squadra sarà fondamentale in quanto invece di uccidere l’avversario questo verrà congelato, e potrà essere liberato dai suoi compagni di squadra.

Per quanto riguarda la SnapMap si tratta di un editor di mappe estremamente semplice da usare con cui poter creare nuovi livelli e modalità di gioco.  Questo ovviamente comporta la possibilità di scaricare in maniera gratuita tutte le creazioni dei vari giocatori in tutto il mondo. Consiglio alcune modalità Orda da giocare con amici.

DOOM_20160517152511

CONCLUSIONE

In conclusione DOOM di Bethesda si afferma come uno dei remake più riusciti di sempre. Capace di catturare ogni genere di giocatore, dal più giovane fino ad arrivare a quei giocatori di vecchia data che guardano sempre i nuovi titoli next gen con un occhio critico. DOOM risulta essere uno dei migliori giochi usciti quest’anno che non tenta di strafare e che si presenta esattamente come il giocatore lo aspettava. Su Doom non ci si ferma per rigenerare la salute, non ci sono ripari e non bisogna fermarsi mai. Molte volte l’attacco sarà la vostra unica soluzione di salvezza, quindi se siete pronti per iniziare a correre, caricate il fucile al plasma e immergetevi nel nuovo infernale capitolo della saga videoludica che ha fatto la storia.

PS: Se siete persone facilmente impressionabili da scene cruente, questo titolo però non fa per voi, perchè vi posso assicurare che il sangue scorrerà a fiumi.

DOOM

8.8

Doom

8.8/10

Pros

  • Frenetico e Adrenalinico
  • Quantità enorme di Segreti
  • Immediato

Cons

  • Ambienti un po' troppo ripetitivi
Andrea Bellusci
Written by
Sono un appassionato di Serie tv, videogiochi, cinema e fumetti che ha deciso di riversare le sue passioni su Facebook e Youtube!!