Assassin’s Creed Ragnarok: location vichinga nel futuro della serie?

Michele Nucera, un concept artist di Ubisoft Milano che ha lavorato a Mario + Rabbids Kingdom Battle, ha pubblicato diverse immagini su ArtStation, immagini che hanno scatenato la curiosità dei fan di Assassin’s Creed. La prima immagine si intitola “L’inferno dei vichinghi” ed è un terrificante ritratto di un fulmine che si spezza in un cielo rosso sangue, mentre un’enorme nave con un masthead a tre serpenti attracca. I guerrieri vichinghi si avvicinano alla nave, camminando attraverso un campo di battaglia coperto di neve con i loro mantelli rossi brillanti fatti a pezzi e le loro armi in mano.

La seconda immagine raffigura alcuni vichinghi che navigano su barche a vela, l’immagine ritrae anche oscure e imponenti fortezze sulle colline. Su ArtStation, il lavoro è intitolato “Villaggio dei vichinghi“, ma quando viene aperto in una nuova scheda, il nome del file è michele-nucera-assassincreedragnarok-bay-09.jpg. Tutto questo ha portato i fan a chiedersi se il prossimo gioco di Assassin’s Creed si chiamerà Assassin’s Creed Ragnarok e se sarà ambientato nell’era dei vichinghi.

Assassin’s Creed Ragnarok non sarebbe la prima avventura di Ubisoft nel territorio vichingo. L’editore ha anche rilasciato For Honor, che annovera i vichinghi come una delle sue fazioni giocabili. Va anche detto che proprio la scorsa settimana, Assassin’s Creed Origins ha ricevuto alcuni DLC che hanno introdotto alcune armi Viking.

Quando gli è stato chiesto un commento, Ubisoft ha sottolineato il fatto che Nucera descrive le immagini come “un concetto PERSONALE per esplorare un’idea della vita dei vichinghi“. Nucera è anche un grande fan dei Vichinghi, poiché sul conto ArtStation ci sono altre opere a tema Viking che risalgono a due anni fa. Assassin’s Creed Ragnarok sarebbe un’idea fantastica, ma ora sembra molto più probabile che la serie potrebbe optare per un contesto orientale, e tutti gli indizi portano in Cina.

Christian Mazza
Written by
Laureato in Filosofia e specializzato in Scienze Filosofiche, ama il videogioco in ogni sua forma e materia. Grande appassionato di tecnologia, cinema e fumetti, strumenti semplici al servizio della nostra mente e della nostra fantasia.