Adrian – Recensione onesta della terza puntata

Sono passati 6 giorni dall’ultimo episodio di Adrian.

Il popolo italiano continua a vivere spensierato la sua vita senza pensare alle terrificanti conseguenze previste da Celentano per il 2068 e sembra che il fenomeno della serie stia ormai scemando. Milo Manara fa sentire la sua voce sui social prendendo le distanze dalla serie ma il mio sostegno ad Adrian non cede di un millimetro e con l’hype crescente inizio a contare le ore che mi separano dal nuovo episodio.

Prima di cominciare vi ricordo di recuperare le recensioni precedenti per non perdervi pezzi FONDAMENTALI di quest’intricata trama che dicono stia interessando anche Christopher Nolan per una trasposizione in live action.

Mentre sono sul divano che lotto contro il sonno e la noia causata dal siparietto ormai sempre uguale di Aspettando Adrian, vengo risvegliato all’improvviso dal vero Celentano che compare dal nulla iniziando a cantare mentre dal pubblico parte un urlo: “Adriano ti amo più di mia moglie” (qualcuno stasera andrà in bianco e dormirà sul divano).

Finalmente però la tanto attesa terza puntata di Adrian comincia e preparatevi perché i colpi di scena presenti potrebbe far candidare la serie ai Golden Globes del prossimo anno.

La puntata comincia subito con lo spottone degli svizzeri per la taglia di 1 milione di € per chiunque trovi il vero orologiaio ed io continuo a chiedermi chi gli ha passato una foto di Adrian che ripara orologi scurendogli il volto. Dai è palesemente lui. Avrà mandato lui la foto da solo? vabbè non iniziamo a farci domande che sennò è finita.

Vediamo quindi una rappresentazione della stazione di Milano Centrale che subito ci ricorda che ci troviamo di fronte ad un prodotto di fantasia. Notare il tabellone in alto a sinistra (mi scuso per la qualità della foto) che non segna neanche un minuto di ritardo su nessuno treno. A stazione centrale il giornalista inutile dell’episodio precedente, che non avevo citato in quanto credevo fosse un personaggio di passaggio, si conferma invece come un membro principale della serie e si appresta ad incontrare un’avvocatessa sexyche avrà il compito di verificare la veridicità di una testimonianza da parte di un ragazzo che afferma di aver visto l’orologiaio.

Ovviamente il giovane stava supercazzolando e raggiunto prima da Orso e Carbone viene preso a sberloni dai due (che sono sempre più convinto siano i veri protagonisti della serie). La scena all’improvviso diventa tragicomica. Il giovane risponde con due schiaffoni ed Orso e Carbone iniziano a litigare su chi ha tirato più sberle tra i due. VA BEEEENE!!!

Nel frattempo dei giovani universitari tra un esame e l’altro si dilettano facendo segnalazioni false (per quale motivo? boh) e in tutto questo il rettore viene preso anche lui a sberloni da Orso e Carbone (sento quasi salire la sigla di Altrimenti ci arrabbiamo mentre le sleppe volano nella stanza del rettore). Il tutto accade mentre fuori dall’ufficio si trovano gli studenti burloni che rendendosi conto dell’accaduto se ne vanno felici e completamente indifferenti.

Parte poi la canzone della puntata e nelle immagini di Milano intravedo delle zampe.

No dai non può essere quello che penso…

UNA CAZZO DI PECORA!!!!. Ma la cosa peggiore è che vi posso giurare di aver visto la pecora muovere la bocca e cantare la canzone ad un certo punto. Fortunatamente ho fatto una stories su instagram live che ho dovuto rivedere per assicurarmi di non essere stato drograto da Paola nel tentativo di mettere fino a questo supplizio a cui la obbligo ogni lunedì sera. (Santa donna)

Dopo svariati minuti dall’inizio dell’episodio vediamo finalmente Adrian e Gilda che stranamente ancora vestiti dialogano sulla possibile identità della volpe. Onestamente pensavo che Gilda scherzasse, invece la giovane che evidentemente assorbe intelligenza solo nelle notti di luna piena non ha realmente idea che Adrian la sera si vesta da mammifero e si diverta a pestare la gente a colpi di Valzer. Il tutto è reso ancora più assurdo dal fatto che mentre discutono c’è LA MASCHERA DELLA VOLPE APPOGGIATA SUL TAVOLO. Maschera che tra l’altro le ha regalato nell’episodio precedente.

No ragazzi, a me va bene tutto ma non posso pensar—oh stanno per scopaaaaaa ma non si vede niente neanche stavolta. Dannate censure negli anime.

La scena torna sugli svizzeri che vengono informati dall’avvocatessa sexy che Orso e Carbone riescono sempre ad arrivare prima presso l’abitazione di chi fa loro le segnalazioni pestando a sangue il malcapitato e che forse forse forse hanno una talpa in azienda. I due quindi decidono di far indagare internamente al loro segretario che guardandolo in volto si nota che presenta la peggior faccia da criminale di tutta la serie.

SPOILER: indovinate chi sarà la vera talpa???

Finalmente rivediamo anche DRANGHESTEIN (mi stavo preoccupando) all’interno del suo palazzo della Mafia international che comunica di voler abolire l’assistenza medica gratuita per il popolo italiano. Il tutto avviene mentre fissa un superschermo tecnologico parlando con un 3310 di come nel 2010 Obama volesse rendere l’assistenza medica gratuita ma poi fortunatamente il suo successore Trump ha annullato tutto.

Signori c’è anche spazio per la critica alla politica estera. Ora ditemi cosa volete di più.

Le due vecchiette, Anidride e Carbonica, ingaggiano Adrian per una “pericolosa” missione secondaria che costringerà il nostro eroe a cercare il loro vecchio album fotografico in una vecchia cascina. Così Adrian diventa gondoliere, passa dai navigli sotterranei di Milano (faccio seriamente fatica a scriverlo ogni volta)…

… e recupera l’album con aria soddisfatta

A cosa è servita questa scena di 10 minuti? A nulla se non a mostrarci che esiste una vecchia cascina. Cosa che potevano semplicemente dirci ma non avremmo avuto la sexy faccia soddisfatta di Adrian quindi ci va bene così.

Da qui in poi le cose di fanno pericolose. Gilda uscendo da Gino l’ortofrutta si scontra con Orso e Carbone che non ricordano il volto dell’orologiaio che ha cantato sul palco per mezz’ora ma riconoscono una voglia/tatuaggio sul collo di Gilda e decidono così di seguire la giovane.

L’inseguimento che potrebbe far impallidire quello di Prova a Prendermi con DiCaprio e Tom Hanks va a buon fine ed i due sgherri raggiungono Gilda fino alla via Gluck dove comunica ad Adrian di essere stata seguita. (ma non andare a casa, rivelando così la vera identità dell’orologiaio visto che sapevi che ti seguivano???)

Abbiamo poi una scena completamente inutile in cui vediamo il giornalista di inizio puntata andare dagli svizzeri per comunicare loro la vera identità della talpa, ovvero quello con la faccia da criminale dell’azienda.

Ora qui sarò didascalico per enfatizzare il pathos del momento.

Gilda ed Adrian sono bloccati dentro casa con Orso e Carbone che aspettano il nostro eroe davanti alla porta.

Adrian che non teme niente e nessuno decide di affrontarli, esce prende la bici di fronte a casa, fa un metro, compie due giri intorno ai due sgherri e scende dalla bici (scena da pelle d’oca signori).

Scendendo dalla bici si avvicina ad Orso e Carbone. I due conoscono ormai il vero volto dell’orologiaio ma quest’ultimo li minaccia con una frase che entrerà negli annali del cinema come il “Ti spiezzo in due” di Ivan Drago a Rocky. Prima chiede loro se vogliono una sigaretta e dopo un discorso delirante conclude con “sta per arrivare l’orologio che segnerà la vostra fine“. (ouna roba del genere).

I due sono giustamente intimoriti dalla coppola di lui che fa presagire malavita e cattive intenzioni, passano dalla parte dei buoni più rapidamente di un cambio di partito a fine elezioni e comunicano ad Adrian che il loro capo si aspetta comunque una foto dell’orologiaio. “E noi gliela daremo ma non la scatteremo qui nella via Gluck ma in vecchio casolare fuori città” (la cascina di prima) esclama Adrian che come altergo fa la Volpe mica solo per la maschera..

Ora tenetevi forte e mettete a letto i bambini.

Quello che direte al vostro capo però sarà che il mio nome è DARIAN!*SBADABOOM*

Un tuono spezza la tensione ormai palpabile, una folata di vento alza letteralmente la gonna a due ragazze che hanno commesso l’errore di passare di là (se la saranno cercata anche loro?) e per concludere arriva sguardo sexy super concentrato di Adrian mentre la tempesta si crea alle sue spalle.

Ricapitoliamo. La trovata GENIALE di Adrian è anagrammare il suo nome? GENIO!!! è vorrei far notare che siamo alla terza identità segreta in tre puntate.

E quando ormai sono illuso di aver già raggiunto il momento massimo della puntata, Orso e Carbone accompagnano il loro capo supremo alla cascina per mostrargli il volto di Adrian DARIAN ed ecco ch–aspettate, cos’è quella cosa????

Credo di aver sputato un polmone contro la tv. Stupendo, meraviglioso. Applausi scroscianti.

Mentre Adrian si traveste da Darian (che ricorda un po’ Amedeo Minghi) un giovane dichiara in mondovisione di avere una registrazione audio dell’orologiaio che canta “I want to know” e di volerla diffondere su internet. Ed ovviamente e giustamente aggiungerei, viene pestato riuscendo comunque a diffondere la canzone.

Adrian ancora in estati e col durello per la sua brillante trovata del travestimento arriva a casa e decide che finalmente è arrivato il momento di inzuppare il biscotto con Gilda.

E questa volta vediamo TUTTO!!!

Ed abbiamo anche un nuovo meme.

Darian ormai è un vippone e lo invitano alla trasmissione di Fabio Fazio che scopriamo chiamarsi ARMAN LETAL. (sul momento avevo capito Ermal Meta)

Qui Darian ci attacca un pippone enorme sul fatto che una volta le cose si aggiustavano, ora non si aggiustano più neanche gli orologi, ai suoi tempi qui era tutta campagna, polemica contro i supermercati e bla bla bla.

L’unica cosa a cui penso è perché nel pubblico, alle spalle di ARMAN siano tutte gnocche.

In tutto questo, Jhonny Silver conosciuto anche come Dio Sangiorgi Brando, guarda il programma alla tv e rosica a più non posso.

Adrian si toglie dunque il trucco di Darian e torna da Gilda che continuando a non capire una beata, domanda ad Adrian dove fosse stato non riconoscendolo neanche nei panni di Darian. La donna si scaglia inoltre contro il povero gobbo, chiamandolo befana e accusandolo di essere un servo dello stato. Vabbè Gilda lascia stare non ti sforzare più di così.

Gilda è incazzata come una biscia e decide di raggiungere la cascina dove è stato visto Darian, dove nel frattempo si è accalcata una folla in adorazione per l’orologiaio. Gilda non ragiona più. Arrivata sul luogo con occhiali da sole e foulard in test (perché?) monta su una polemica sul fatto che Darian non è il vero orologiaio e viene presa a male parole e spintoni dalla folla.

Mentre tutti sono desiderosi di vedere uscire Darian dalla cascina, arrivano anche Orso e Carbone seguiti a ruota dal loro capo supremo. Tutti vogliono vedere Darian. Adrian quindi arriva in gondola dall’altro lato della città ed inizia ad indossare il suo travestimento (Adrian passione make up)

L’episodio si conclude pochi secondi dopo questo frame con Adrian o Darian o come si chiama ormai che esclama: “ora si entra in scena!“.

E’ stato magico. Tutto l’episodio. Dalla Capra al magico trucco e travestimento di Adrian. L’unica domanda che però mi sorge spontanea è: rivedremo mai la volpe?

Ringrazio tutti quelli che mi hanno seguito su Instagram e con Adrian ci vediamo lunedì prossimo con un quarto episodio che si preannuncia essere pieno di intrighi e tradimenti da parte di Gilda.

Andrea Bellusci
Written by
Sono un appassionato di Serie tv, videogiochi, cinema e fumetti che ha deciso di riversare le sue passioni su Facebook e Youtube!!