A Cena con la Strega – La Recensione

Sei storie di persone comuni, ma con un tocco di magia

a cena con la strega

A Cena con la Strega: sei storie brevi che raccontano di persone comuni, con un tocco di sovrannaturale.

Per celebrare l’arrivo dell’ultima serie di Rumiko Takahashi, Edizioni Star Comics pubblica un sorprendente volume unico contenente sei storie brevi scritte tra il 2012 e il 2017, intitolato A Cena con la Strega.

Rumiko Takahashi è una scrittrice versatile, e lo ha dimostrato nella sua lunga carriera: dai tempi di Lamù e Ranma 1/2, fino a per l’appunto il più recente Mao. Questo volume è un’ulteriore prova della sua versatilità.

Disponibile dal 14 ottobre a 7 €, scopriamo insieme i punti forti dei sei racconti di A Cena con la Strega.

 

A cena con la strega

 

Il volume si apre proprio con la storia breve che dà il titolo alla raccolta, gettandoci subito nel Giappone visto dal punto di vista di protagonisti sessantenni. Tutte le storie ruotano attorno a uomini sposati da anni che hanno appena raggiunto l’età del pre-pensionamento, e incapperanno in varie sventure (o fortune) a seconda della situazione affrontata. Il tutto con un pizzico di sovrannaturale, come per l’appunto la Strega del titolo, oppure uno spirito di un cane deciso a regalare un’ultima gioia al proprio padrone.

Quella di utilizzare protagonisti attempati si è rivelata una scelta vincente, come vincente è stato il metterli alla berlina. Sebbene i motivi fossero i più disparati: una moglie scontrosa, una voglia di rivincita, la vecchiaia che avanza, o semplicemente l’amore verso un’altra persona, i protagonisti dei sei racconti affrontano le proprie disavventure quasi sempre con un sorriso sulle labbra.

Una volta concluso il volume, che scorre piacevolmente senza nessun intoppo, la sensei Takahashi sarà riuscita a intrattenerci con sei punti di vista diversi, tutti leggermente collegati tra loro. Un volto, un mestiere, qualche parola, sono le uniche cose che collegano le sei storie, così che possiate interrompere la lettura anche tra un racconto e l’altro, senza timore di dimenticarvi nulla.

 

A Cena con la Strega

 

Parlando del volume in se invece, Edizioni Star Comics ne ha curato anche l’estetica, stampando un’ottimo libro da  conservare nella propria libreria.

La sovraccoperta lucida è l’antipasto per le prime pagine a colori che aprono l’albo, sulla cover sfilano i diversi protagonisti, con qualche indizio su  dove potrebbero andare a parare i racconti. Le 208 pagine in bianco e nero sono stampate in maniera chiara e sicuramente poco confusa, anche per il tratto molto semplice della sensei Takahashi. Questo potrebbe infatti essere l’unico difetto di A Cena con la strega: se non apprezzate i disegni della mangaka, difficilmente cambierete idea questa volta.

Se siete fan di Rumiko Takahashi non avete alcun motivo per non prendere questo volume unico e gettarvi dentro sei storie spensierate con quel tocco di magia che non guasta mai.

A Cena con la Strega di Rumiko Takahashi è disponibile su Amazon.

 

A Cena con la Strega

Vi lascio coi dettagli del RUMIKO TAKAHASHI SPECIAL PACK, pensato in occasione del Lucca Changes 2020

 

Il 14 ottobre, in contemporanea con l’uscita del primo volume di MAO e della raccolta di storie brevi A Cena con la Strega, sarà disponibile – in due versioni – il RUMIKO TAKAHASHI SPECIAL PACK, che raccoglie i due albi… e non solo! La prima versione, disponibile SOLO in fumetteria e a tiratura limitata, conterrà un esclusivissimo mini shikishi realizzato dall’autrice appositamente per i fan italiani. 

La seconda – a tiratura limitatissima, realizzata in esclusiva per Lucca Changes 2020 – sarà acquistabile SOLO su Amazon e comprenderà due cartoline realizzate appositamente per l’occasione.

A Cena con la Strega
Pro
Storie autoconclusive convincenti
Lettura scorrevole
Contro
Lo stile di disegno potrebbe non piacere a tutti
8.5
Voto