Pikmin 3 Deluxe – La Recensione

Tornano i Pikmin nella loro avventura più grande di sempre!

pikmin 3 deluxe

Pikmin 3 torna su Nintendo Switch con una nuova versione Deluxe ricca di contenuti.

Un paio di settimane fa abbiamo avuto modo di provare con mano di Pikmin 3 Deluxe e parlarvene nella nostra anteprima. Adesso è arrivato il momento di scoprire se il ritorno sulle scene dei Pikmin merita la vostra attenzione e se l’ex esclusiva Wii U brilla ancora come 7 anni fa.

Disponibile dal prossimo 30 Ottobre, scoprite insieme a noi Pikmin 3 Deluxe nella nostra recensione.

Leggi anche: Pikmin 3 Deluxe  – Anteprima

Con Pikmin 3 si ritorna sul desolato pianeta PNF-404, teatro dei giochi della serie e casa dei minuscoli Pikmin, gli esserini colorati che hanno aiutato a più riprese il Capitano Olimar e il suo sbadato assistente Louie nelle precedenti avventure. In questo terzo capitolo Olimar e Louie vengono messi momentaneamente in disparte per dare spazio a 3 nuovi avventurieri, Alph, Brittany e Charlie, la cui missione è quella di esplorare il pianeta alla ricerca di risorse vitali da portare a casa loro, nella morente Koppai, un pianeta sull’orlo della crisi alimentare dovuta ad anni di sfruttamenti intensivi e progressi tecnologici sregolati.

Spetterà quindi a loro dare una speranza alla propria gente recuperando quante più risorse vitali possibili. E per farlo dovranno affidarsi ai fragili Pikmin, le piccole creature che abitato il sottobosco di PNF-404 e che ci daranno una mano nella ricerca di cibo da riportare su Koppai.

 

Pur cambiando gli intenti ed aumentando i protagonisti dell’avventura, Pikmin 3 si comporta esattamente come i precedenti, proponendo un sapiente mix fra gestionale e strategico in tempo reale, nel quale dovremo sfruttare tatticamente il nostro esercito di Pikmin per affrontare tutte le calamità di questo ostile pianeta, siano queste terribili creature “aliene” o i numerosi ostacoli naturali.

Il punto focale dell’avventura resta l’esplorazione e questa terza avventura punta come non mai l’accento su questa caratteristica e sul fascino della scoperta dei segreti di questo mondo in miniatura.

Pikmin 3 Deluxe è disponibile su Amazon. Acquistalo adesso in offerta a 49,98 €

Tesoro, mi si è ristretto lo schermo! 

La versione Deluxe di Pikmin 3 porta subito alla luce una problematica: riadattare il tutto per essere fruibile sia in modalità home console, sia in portatile. Nella versione originale Pikmin 3 andava a sfruttare uno dei selling point di Wii U, lo schermo del Gamepad, sul quale venivano declinati alcuni aspetti fondamentali del gioco, come la mappa in tempo reale o la possibilità di gestire il tutto tramite stilo.

Quello del sistema di controllo è un altro degli elementi più complessi di Pikmin 3, uno strumento nelle mani del giocatore che assumeva varie forme, e riprendeva tutte le sperimentazioni fatte sul gioco, dagli originali su Game Cube, passando per i porting su Wii, rivisti e corretti per sfruttare il sistema punta e clicca basato su Wiimote. Tante soluzioni a portata di mano che in questa nuova edizione per Nintendo Switch stanno strette e che han portato ad una drastica decisione, quella di scremare in toto ogni approccio alternativo e di concentrarsi su un sistema più classico basato sull’uso del pad, che potesse adattarsi sia al gioco in casa che in mobilità, e di migliorarlo, aggiungendo un comodo tasto per il “lock” dei nemici o degli obiettivi, per rendere più veloci ed intuitive le azioni durante le fasi più concitate.

 

L’assenza del secondo schermo ha portato anche ad un leggero redesign dell’interfaccia, e la scomparsa della mappa in tempo reale viene compensata adesso con un pratico radar a video. Anche la gestione della squadra resta per lo più identica al passato, con l’aggiunta di alcune shortcuts che permettono di passare da un personaggio all’altro, snellendo così i compiti, e di dividere i Pikmin in gruppi di colore per una selezione più rapida degli squadroni.

“Adesso non avete più scuse per non giocare Pikmin 3!”

A livello di gameplay invece ci ritroviamo di fronte allo stesso gioco di 7 anni fa. La progressione in Pikmin 3 viene scandita dai giorni che impiegheremo per arrivare alla fine dell’avventura, che adesso è meno lineare e più volta all’esplorazione di PNF-404, a patto di avere le risorse necessarie per continuare. Ad aiutarci troveremo loro, i Pikmin, ognuno dei quali sfrutterà le proprie caratteristiche fisiche facilmente ricollegabili al loro colore: i Pikmin rossi saranno quindi resistenti al fuoco, mentre quelli blu e gialli potranno rispettivamente respirare sott’acqua e resistere alle scosse elettriche.

Pikmin 3 introduce anche due nuove varianti, i Pikmin rocciosi, resistenti ai danni e in grado di distruggere qualsiasi cosa, e i Pikmin alati, i più delicati del gruppo, che però potendo volare possono evitare ostacoli e nemici trasportando a destinazione gli oggetti.

La combinazione dei Pikmin ci garantirà la sopravvivenza all’interno delle varie aree, e man mano espanderemo il nostro esercito, potremo esplorare nuove zone e risolvere gli enigmi ambientali nascosti qua e là.

Novità in vista!

Nonostante non ci fossero i margini per intervenire concretamente sul gameplay senza snaturarne gli equilibri, Nintendo non si è lasciata sfuggire l’occasione di aggiungere qualche novità di rilievo a questo porting. Un incentivo per tutti quei giocatori che già hanno avuto modo di vivere Pikmin 3, e che oggi potrebbero essere nuovamente invogliati a tornare a calpestare la superfice di PNF-404. Stiamo parlando della coop locale per 2 giocatori.

Già presente in alcune modalità secondarie di Pikmin 3, in questa edizione Deluxe viene estesa anche alla campagna storia, permettendo così a due amici di condividere l’avventura, per un’esperienza collaborativa di spessore ed estremamente divertente. Pur andando a semplificare alcune meccaniche di base ed addolcire la difficoltà generale del gioco, affrontare l’avventura in compagnia rende Pikmin 3 ancora più godibile.

I giocatori potranno adesso dividersi i compiti od unire le forze per ammazzare un boss o superare un ostacolo. Questa modalità cooperativa funziona benissimo sulla TV di casa, ma diventa un punto forte in portatile. È vero, bisogna rinunciare alla comodità del pad o alle dimensioni generose della televisione, ma “smezzarsi” un Joycon e buttarsi all’esplorazione senza troppe attese resta una delle qualità migliori di Nintendo Switch, che la differenzia dalle altre console sul mercato.

Abbiamo poi accennato alla difficoltà “calante” della cooperativa, che giocoforza viene smorzata dalla presenza di 2 giocatori. Ecco, Nintendo ha pensato proprio a questo, andando ad aggiungere un nuovo livello di sfida chiamato “Ultra-Piccante” e che metterà alla prova le vostre doti di leadership e comando alzando inesorabilmente il tasso di difficoltà.

Purtroppo però non sarà disponibile fin da subito, ma a meno che non giochiate la demo rilasciata sull’eShop di Nintendo Switch che lo sbloccherà completandola, dovrete necessariamente finire prima Pikmin 3 al livello Difficile, accedendo così al nuovo “Ultra-Piccante”.

Oh capitano, mio capitano

Questa versione Deluxe di Pikmin 3 propone al suo interno tutti i contenuti originali usciti su Wii U più una raccolta di extra rilasciati come DLC e, udite udite, qualche novità che riguarda Olimar e Louie. Il tutto facilmente accessibile dal menù principale del gioco.

Missioni e Bingo sono le due modalità che eredita dalla precedente versione, e raccolgono al loro interno sfide pensate per essere affrontate sia in singolo che in coppia.

Missioni permette di mettere alla prova le proprie abilità strategiche affrontando varie sfide, dal completare diversi livelli a tempo, cercando di arraffare il più risorse possibili prima che scada il timer, al riaffrontare i boss e i colossi precedentemente incontrati nella campagna principale. Anche qua, già come in passato, affrontare in 2 le varie sfide proposte ne eleva il gameplay diventando un passatempo perfetto da sfruttare in compagnia degli amici. Bingo invece punta sull’aspetto competitivo mettendo uno contro l’altro i giocatori in una sfida alla raccolta di frutta, premiando chi per primo riesce a completare una linea sulla propria scheda.

“La possibilità di condividere i Joycon qua valorizza più che mai le qualità “social” della console Nintendo”

La vera sorpresa però di questa Deluxe sta nella Storia Extra. Si tratta di una storia parallela che vede protagonisti proprio Olimar e Louie, e si va ad incastrare sia durante gli eventi di Pikmin 3, colmando la loro storiline all’intendo dell’avventura, sia nel post game, diventandone di fatto il prologo. Questa storia extra si sviluppa nell’arco di alcune missioni aggiuntive, che differiscono rispetto alla storia principale in termini di sviluppo ed esecuzione, con obiettivi da portare a termine o livelli da completare entro un certo tempo limite.

Concludiamo la rassegna delle novità con due aggiunte minori dettate a migliorare la “quality of life” e la rigiocabilità di Pikmin 3. Oltre ai vari bilanciamenti apportati al gioco e ai nemici, dovuti anche alla presenza della cooperativa, Pikmin 3 Deluxe introduce anche una serie di indizi e suggerimenti attivabili in maniera del tutto opzionale, pensati per un pubblico più giovane che si interfaccia a Pikim per la prima volta. Selezionando gli aiuti riceveremo dei semplici consigli volti a superare un determinato passaggio nel gioco, o attivare una guida a terra che ci mostrerà il percorso migliore per raggiungere l’obiettivo della missione.

L’altra novità riguarda una nuova sezione dei Trofei, una versione in-game dei vari achievement ottenibili su Xbox o PlayStation, e che si sbloccheranno ogni qualvolta soddisferemo qualche condizione particolare, come ad esempio completare un livello della storia od ottenere una determinata medaglia in una delle attività secondarie. Questo rappresenta sicuramente un incentivo al replay di Pikmin 3, magari concentrandosi proprio a completare determinati trofei di gioco, i quali indicheranno il progresso dei requisiti per ottenerli.

Dopo aver affrontato tutte le novità presenti in questo porting per Switch è lecito chiedersi: come gira sulla nuova console Nintendo?

Mondi in miniatura

Sostanzialmente si tratta di una versione identica a quella uscita su Wii U, sia nel frame rate che nella risoluzione, che resta a 720p per poi essere upscalata in dock. Nonostante le similitudini fra i due giochi solo con una comparativa “side by side” si possono notare certi accorgimenti volti a migliorare il sistema di illuminazione o aggiustare qualche texture. Probabilmente la scelta di restare ancorati alle caratteristiche tecniche di Wii U è dettata dalla cooperativa della modalità storia, il cui split screen è sicuramente esoso in termini di resa video.

Nel complesso, pur non sfruttando a pieno la maggior potenza di Nintendo Switch, Pikmin 3 gira a meraviglia e, sia su TV che in portatile, resta una bellezza per gli occhi.

Il sottobosco digitale di PNF-404 affascina ed è un vero e proprio mondo da scoprire, con i suoi luoghi “magici” e le sue strane creature aliene. Anche in modalità handheld Pikmin 3 si lascia giocare con piacere, e il passaggio dalla postazione fissa a quella mobile è totalmente indolore. La profondità di campo, che dona al gioco quell’effetto tilt shift da mondo in miniatura è forse l’elemento che va a mascherare certi dettagli fuori posto, come alcune texture sgranate o un aliaising più presente nelle brevi scene animate.

Ma nonostante gli anni sulle spalle Pikmin 3 regge alla prova del tempo, dimostrando quanto fosse bello già al debutto su Wii U. La direzione artistica di Pikmin 3 è grandiosa, anche per quanto riguarda il sound design del gioco, che punta ad un’esperienza sonora che mescola ambiente e musiche per creare una sinergia che immerge in giocatore in questo mondo estraneo e pericoloso, ma al tempo stesso lo coccola con musiche rilassate e spensierate, che rompono il silenzio proprio sulla comparsa di un nemico o di uno degli imponenti colossi.

 

Pikmin 3 Deluxe sarà disponibile in esclusiva su Nintendo Switch dal prossimo 30 Ottobre.

In questa operazione di salvaguardia della softeca di Wii U, la pubblicazione di un titolo come Pikmin 3 su Nintendo Switch è una manna dal cielo. Si tratta di uno dei più bei giochi disponibili per la sfortunata console Nintendo, che merita di essere riscoperto ed apprezzato per le sue molte doti, ludiche e tecniche. Si tratta del capitolo più completo e profondo della serie, che in questa edizione Deluxe di arricchisce di novità e contenuti, alcuni dei quali pensati per dare nuovi stimoli anche a chi Pikmin 3 l'ha amato 7 anni fa. Dare un'occasione oggi a Pikmin 3 significa mandare un messaggio d'apprezzamento a Nintendo, con la speranza che decida di portare anche i primi 2 capitoli su Switch e dar modo a tutti di conoscere il fantastico mondo dei Pikmin, e perché no concretizzare finalmente un quarto capitolo pensato e studiato per sfruttare a pieno tutte le caratteristiche di Nintendo Switch.
Pro
Tulla la bellezza del mondo di Pikmin anche in portatile
Tante aggiunte per adattarsi a Nintendo Switch
Pacchetto ricco di contenuti vecchi e nuovi...
Contro
...basteranno a riportare i vecchi utenti sul gioco?
Si sente un po' l'assenza dei comandi touch
9
Voto
Acquistalo ora