Guardiani della Galassia Vol. 3: Bradley Cooper miglior scelta per la regia

guardiani della galassia vol. 3 bradley cooper

James Gunn è stato licenziato dalla Disney lo scorso luglio, lasciando la sua posizione come direttore di Guardiani della Galassia Vol. 3 vuota.

I Marvel Studios stanno ancora progettando di utilizzare la sceneggiatura di Gunn, di cui tutti sono entusiasti, ma è un po’ scoraggiante vedere uno dei più amati franchise Marvel senza qualcuno al timone. La Marvel ha tutto l’interesse nel trovare un sostituto il più in fretta possibile, ma a chi affidare questo importantissimo lavoro?

La firma di Gunn è presente ovunque nei Guardiani. È praticamente il suo bambino. Sono tantissimi i registi che alla domanda sul prendersi carico del sequel hanno risposto:

“Quello è il film di James Gunn.”

Edgar Wright, Taika Waititi, Joe Carnahan e numerosi altri continuano a sostenere che Gunn sia la scelta migliore, perpetuando l’idea che qualcun altro non dovrebbe entrare e prendere il sopravvento. La possibilità di un ritorno è però ormai andata. James Gunn sta lavorando con DC e Warner Bros. in un nuovo film Suicide Squad, quindi non tornerà  di certo per i Guardiani. Le migliori opzioni sembrano fuori dal tavolo, e “sbagliare” quello che sarà con tutta probabilità il film conclusivo della saga non è concepibile.

Allora, che cosa farà la Marvel sul numero 3? Bene, la risposta che ha più senso è proprio sotto il naso dello studio. Stiamo parlando di Bradley Cooper.
Non vedete connessioni? Lasciatevi spiegare.
Prima di tutto, Cooper si è affermato come un buon regista. Ha fatto solo un film, ma quel film è stato A Star Is Born, che non solo si è candidato a una serie di Academy Awards, ma ha anche incassato 417 milioni di dollari al botteghino globale con un budget di “soli” 36 milioni di dollari. Cooper ha dimostrato di avere talento dietro la cinepresa ed è in grado di estrarre performance davvero emotive da alcuni dei grandi nomi di Hollywood. Se la Marvel vuole creare qualcosa di toccante, anche per quelli al di fuori del fandom di MCU,Cooper è sicuramente una possibilità.
Sì, sicuramente ci sono registi più esperti nel mondo del cinema di fantascienza, e un musical drammatico non è esattamente il miglior audizione per un film Marvel, ma in realtà potrebbe essere un vantaggio. Il cast del franchise di Guardians, incluso Cooper, è rimasto alle spalle di James Gunn attraverso l’intero processo. Hanno più volte comunicato che non vorrebbero nessun altro se non Gunn stesso. Questo crea un problema per ogni nuovo regista che entra. Qualcuno, come Waititi o Wright, avrebbero potuto gestire la transizione in base alla loro esperienza. Saprebbero il delicato equilibrio necessario per far funzionare il tutto. Un giovane promettente potrebbe affrontare sfide significative con un cast che desidera profondamente che il loro amato leader fosse ancora dietro la telecamera. Cooper risolverebbe entrambi questi problemi.
Bradley Cooper potrebbe essere nuovo alla regia, ma conosce già i Guardiani della Galassia. Ha infatti prestato la sua voce a RocketRaccoon fin dal primo film dei Guardiani nel 2014. Anche se non è stato in scena giorno dopo giorno durante la produzione dei primi due film, era parte di quel qualcosa di speciale che stavano costruendo. È il loro fratello, semplice. Con Cooper al timone, si eviterebbe il problema di introdurre qualcuno di esterno a quel mondo, ma piuttosto un fratello maggiore che aiutasse a guidare l’intero equipaggio attraverso quello che sarebbe sicuramente un momento difficile.
Quello che vogliamo dire è che il ruolo potrebbe essere ricoperto da chiunque sia già all’interno del cast. Zoe Saldana o Sean Gunn potrebbero facilmente intervenire e riempire lo stesso ruolo, fornendo una transizione altrettanto perfetta per tutti gli altri. Lo stesso vale per il cineasta Ben Davis, che ha girato il primo film dei Guardiani, oltre a Doctor Strange, Age of Ultron e Captain Marvel. Ognuna di queste persone che hanno fatto parte del processo dei Guardiani potrebbero prendere il potere, Cooper è la nostra scelta perché ha comunque diretto un film che raggiunto incassi straordinari.
L’unico problema reale che riusciamo ad identificare è la disponibilità di Cooper stessa. Dopo una storia come A Star Is Born, potrebbe non voler passare a un franchise di effetti speciali. È comprensibile, ma ci sono anche dei modi per aggirarlo. Con tanti piccoli studi di proprietà della Disney, tra cui Fox Searchlight, di prossima proprietà, la società potrebbe facilmente prendere Cooper in futuro e se Kevin Feige lo vorrà per i Guardiani. Gli studios spesso creano accordi con registi arrivando a fargli dirigere film con la promessa di finanziare poi progetti futuri differenti. Ciò avrebbe molto senso per Cooper e Disney.
Nulla è stato confermato per quanto riguarda il regista di Guardiani della Galassia Vol. 3, oltre al fatto che James Gunn non tornerà. Ma qualcuno dovrà fare il film, sicuramente ci sono tantissimi registi con milioni di qualità ma per dirigere qualcosa come i guardiani, con quel senso di gruppo e famiglia, non riusciamo ad immaginare qualcuno che non sia parte dei Guardiani stessi. Cooper è la scelta perfetta.

Voi cosa ne pensate? Quale sarebbe il vostro regista perfetto non potendo avere Gunn?

Restate connessi per ulteriori aggiornamenti sui Guardiani della Galassia Vol. 3.