KLIM Aim: solidità e qualità ad un prezzo contenuto – Recensione

Per chi non può o non vuole spendere molto per un mouse da gaming, ecco la scelta che fa per voi. Peccato per qualche imperfezione nel software, ma scopriamo insieme questo Klim Aim Gaming Mouse.

Il gaming rappresenta ormai una delle attività principali svolte da chi usa i PC. Le fasce d’età aumentano man mano che si avanza con gli anni poiché, se prima si riteneva fosse un’attività prettamente adolescenziale, adesso si tratta di un’abitudine che racchiude diverse fasce d’età, anche adulte. In ogni caso per poter giocare comodamente al PC e soprattutto nel modo più classico e funzionale possibile, ciò di cui si ha bisogno sono una tastiera e un mouse e io vi parlerò proprio di quest’ultimo e in particolare del nuovo Klim Aim Gaming Mouse versione Black.

Per chi non conoscesse la Klim Technologies, si tratta di una start-up francese specializzata nella produzione di periferiche per PC. Il loro motto è qualità e convenienza e questo mouse, come scoprirete nella recensione, ne è una piccola testimonianza.

Dati tecnici

Inizio subito con l’elenco dei dati tecnici che sono assolutamente all’avanguardia per un mouse da gaming di nuova generazione, nonostante faccia parte, per il suo prezzo, nella fascia medio alta:

  • Interfaccia: USB 2.0
  • Sensore: Ottico
  • Risoluzione: 500 / 1000 / 1500 / 2000 / 3500 / 7000 DPI
  • Velocità scansione: 80 IPS
  • Massima accelerazione: 20 g
  • Frame per secondo: 5300 FPS
  • Frequenza di polling: 500 Hz
  • Tempo di campionamento: SPI 2 ms
  • Dimensioni: 128 x 67 x 41 mm
  • Peso: 169 ± 10 g
  • Tasti: 5 + scroll + tasto DPI
  • Lunghezza cavo: 1,7 m
  • Vita tasti: 20 milioni di esecuzioni
  • Compatibilità OS: PC e Mac

Confezione e costruzione

La confezione di vendita è davvero molto curata nonostante nell’aspetto sia molto minimale. Le stampe riportano semplicemente il logo dell’azienda, il nome del prodotto e un’immagine fedele del mouse attraverso una stampa lucida. Nel retro della confezione troviamo invece tutte le caratteristiche tecniche più importanti tradotte in cinque lingue tra cui l’italiano. Una volta aperta la scatola al suo interno troviamo un involucro di plastica rigida che protegge il mouse, un fogliettino che mostra le specifiche tecniche e una particolare ed elegante busta nera con all’interno degli adesivi e una divertente lettera di ringraziamento da parte del team di Klim Technologies per aver acquistato il loro prodotto, con tanto di firme e perfetta traduzione in italiano.

Passo quindi al protagonista di tutto ciò, il Klim Aim. L’estetica e il design sono quelli di un comune mouse da gaming, senza quindi inutili bombature o forme tanto esagerate quanto “tamarre”. Il mouse è realizzato completamente in plastica, ma già dal peso si comprende la qualità dei materiali e della costruzione generale. Parliamo infatti di circa 170 grammi che offrono un buon bilanciamento e restituiscono un’ottima resa nei movimenti. La forma simmetrica del mouse permette un buon utilizzo sia con la mano destra che con quella sinistra, ma purtroppo l’uso non è destinato ai mancini perché i tasti funzione laterali sono presenti solo a sinistra per essere premuti proprio dal pollice della mano destra.

Su entrambi i lati del mouse vi sono anche delle finitura in plastica con effetto pelle correlate da altrettante finte cuciture. Oltre ad un effetto estetico apprezzabile esse donano un buon grip ed evitano che la superficie si rovini come spesso accade con altre soluzioni in gomma o in silicone. Tutti i tasti del Klim Aim sono costituiti da un micro-switch prodotto da Omron che certifica più di 20 milioni di esecuzioni. Solida anche la rotellina realizzata anch’essa in plastica trasparente ad eccezione della parte più esterna che presenta una striscia dentata in gomma nera. Da sottolineare la solidità della rotellina che va leggermente premuta per essere usata così da evitare movimenti non voluti ed improvvisi. Tutto ciò, però, rende i tasti e la rotellina non proprio silenziosissimi.

Infine si conclude con il cavo di connessione, lungo 1,7 metri ed interamente intrecciato con una piccola trama di colore rosso e nero avente alla sua estremità un connettore USB placcato in oro che regala una connessione rapida e senza perdite di connessione.

Usabilità

Non è il primo mouse da gaming che provo, ma è il primo in questa fascia di prezzo che riesce a donarmi un feeling e una solidità riscontrata solo in mouse di fascia decisamente più alta. Basta semplicemente impostare il valore DPI preferito, tramite il tasto posizionato sopra la rotellina, e si potrà godere fin da subito dell’ottima comodità e dell’elevata scorrevolezza di questo Klim Aim. Se non doveste essere soddisfatti dalle impostazioni predefinite potrete anche impostarle manualmente tramite il software proprietario settando a vostro piacimento ogni singola pressione esercitata sul tasto così da sfruttare al meglio il mouse in tutte le situazioni anche oltre l’ambito gaming per cui è stato progettato.

Dal software potrete settare manualmente i DPI, realizzare un vostro profilo di durata dei click qualora i profili predefiniti presenti non dovessero soddisfare le vostre richieste e potrete anche settare la luminosità scegliendo tra quelle presenti o personalizzando l’illuminazione dei led RGB con ben 14 caselle con il quale impostare altrettanti colori che si illumineranno contemporaneamente sul mouse. In questo caso ho notato una piccola imperfezione nel software poiché appena installato presentava una luminosità pari a 50, mentre dopo le mie prove il valore massimo risulta 7 e quindi la luminosità è decisamente debole.

AGGIORNAMENTO 20/05/2019: in realtà la luminosità può essere settata a valori più alti di 7 fino ad un massimo, appunto, di 50. Per farlo, però, si deve seguire una procedura non semplice da comprendere e non indicata chiaramente dal software: si deve cliccare col tasto sinistro del mouse sulla freccetta accanto al valore numerico settato e scendere con la rotella del mouse fino ai valore successivi al 7, ma il cursore non deve essere all’interno del riquadro con i valori altrimenti la funzione scorrimento della rotella non funziona (perdonate il gioco di parole). Vi condivido il video, gentilmente offerto dalla stessa Klim Technologies, che vi spiega meglio come fare:

Commento conclusivo

Il mouse Klim Aim rappresenta un’ottima scelta per tutti coloro che cercano un mouse da gaming economico, ma di altissima qualità. Dal punto di vista prettamente videoludico si difende davvero molto bene dalla concorrenza riuscendo a farsi valere anche negli ambiti più complessi, ovvero le partite multiplayer con titoli rapidi come Fortnite, Apex Legends e Mortal Kombat 11. Nell’uso di tutti i giorni è ampiamente valido, soprattutto per la navigazione online o il fotoritocco. Unica pecca è il software che meriterebbe più cura non tanto estetica, quanto funzionale. Risulta infatti confusionaria, non bellissima da vedere e con qualche piccolo bug. Se voleste acquistarlo ecco a voi il link Amazon e ringrazio Klim Technologies per avermi dato la possibilità di testare questo splendido prodotto.

Klim Aim Gaming Mouse

8

Klim Aim Gaming Mouse

8.0/10

Pros

  • Qualità costruttiva di alto livello
  • Ottima precisione anche per le sessioni di gaming più impegnative
  • Personalizzazione dei tasti e dei colori...

Cons

  • ...ma rivedere il software sia esteticamente che funzionalmente
  • Click e rotella non silenziosissimi
Avatar
Written by
Studente di Ingegneria Informatica che tra un libro e un altro trova sempre il tempo per un film, un fumetto o un videogioco.